Chirurgia Orale

Il dott. Biagio Di Giuseppe, il dott. Paolo Mancini (chirurgo maxillofaciale) e il dott. Stefano Benignetti (parodontologo) eseguono gli interventi di chirurgia orale in anestesia locale, in studi dedicati e opportunamente preparati nel più rigido rispetto delle norme igienico-sanitarie, con l'ausilio di strumentazione ad elevato contenuto tecnologico.
La chirurgia orale (o odontostomatologica) rappresenta un'ampia branca della chirurgia che si occupa di problematiche a carico del cavo orale e che necessitano del ricorso ad interventi da eseguirsi in anestesia locale.

Estrazioni dentali semplici e complesse

Estrazioni dentali semplici e complesse

La chirurgia orale, nelle molteplici sottodiscipline che si sono definite e consolidate nell'ambito di un continuo processo evolutivo della scienza medica, si occupa di:

estrazioni dentali semplici e complesse (denti erotti, residui radicolari, denti inclusi o semi-inclusi); 

apicetcomie (rimozione dell'apice del dente coinvolto in un processo flogistico, spesso accompagnato dall'insorgenza di un granuloma apicale, con l'obiettivo di sigillare chirurgicamente il canale);

interventi pre-protesici (procedure chirurgiche su tessuto molle e/o osseo che perseguono l'obiettivo di "preparare" il cavo orale all'applicazione di protesi fissa o mobile, creando i presupposti per un'ottimale applicazione e per il raggiungimento degli obiettivi estetici, funzionali e di stabilità);

rimozione di cisti mascellari (trattasi di spazi patologici dell'osso o nei tessuti molli che contiengono materiale liquido o semiliquido, rivestiti da epitelio. Nella maggior parte dei casi, vengono trattate cisti apico-radicolari e dentigene);

interventi sui seni mascellari (il rialzo del seno mascellare è una pratica chirurgica finalizzata al ripristino e all'aumento del volume osseo, propedeutico all'inserimento di impianti, in tutti i casi in cui lo stato di fatto del tessuto stesso non presenti le condizioni ottimali di sostegno dell'impianto).

Chirurgia Orale Bambini

Chirurgia Orale Bambini

L'esperienza pluriennale nel settore, la professionalità e le competenze acquisite negli anni, sostenute da un incessante processo di aggiornamento e qualificazione, consentono allo staff di integrare metodi e procedure della chirurgia tradizionale con metodologie estremamente innovative. In particolare, lo studio, sempre orientato ad incrementare il livello di benessere del paziente, applica ampiamente alla chirurgia orale la moderna tecnologia laser. Questa consente di eseguire interventi chirurgici con estrema rapidità, precisione, senza sanguinamento e senza necessità di suture, rendendo gli stessi meno invasivi e riducendo i tempi di decorso post operatorio, a tutto vantaggio del paziente, soprattutto dei bambini (pazienti pedodontici).

Il dott. Biagio Di Giuseppe ha fatto della tecnologia laser uno strumento fondamentale negli interventi di frenulectomia linguale e labiale, nel rimodellamento gengivale e nel trattamento delle afte. L'intervento di frenulectomia viene eseguito quando il frenulo, per una sua particolare conformazione, può compromettere l'allineamento dei denti e cerare disagi o inestetismi. Particolarmente coinvolti sono i bambini a danno dei quali possono evidenziarsi problematiche legate allo sviluppo del linguaggio e alla nutrizione. L'uso del laser nella recisione del frenulo, in sostituzione del bisturi, presenta, pertanto, indubbi vantaggi soprattutto se utilizzato sui pazienti più piccoli. Il rimodellamento gengivale viene eseguito in presenza di gengive che compromettono il sorriso e, al tempo stesso, possono favorire l'insorgere di patologie a carico del cavo orale. Esso serve a rimodellare o scolpire il tessuto gengivale, a ridefinire le linee gengivali irregolari. L’ afta è un’ ulcera che si manifesta all’interno della cavità orale, con aspetto tondeggiante e biancastro, spesso associata a sintomatologia dolorosa, e rappresenta una delle lesioni più comuni e frequenti della mucosa orale. Nelle sue diverse forme cliniche, può essere caratterizzata da dimensioni della lesione, localizzazione, aspetto e tempi di guarigione differenti. L’applicazione terapica del laser nel trattamento delle ulcere aftose, grazie alla sua azione antalgica e biostimolante dei tessuti, determina una sensibile riduzione della sensazione dolorosa e un’accelerazione del processo di guarigione.